Chirurgia post bariatrica

La chirurgia post-bariatrica ha un ruolo sempre più rilevante nel completamento del trattamento dell’obesità.

A causa dell’eccessiva perdita di peso, la pelle tende a perdere la naturale elasticità e quindi subisce un grave cedimento portando la cute ad essere floscia e per nulla tonica. In questo caso entra in gioco la chirurgia plastica, grazie alla quale è possibile porre rimedio agli inestetismi della pelle.

Spesso il punto più debole è l’addome che tende a rilassarsi in modo drastico, creando il famoso fenomeno del “grembiule”. La pelle in eccesso e pendente può causare irritazione, cattivo odore e fastidi anche estetici oltre che fisici. Si agisce così con un’addominoplastica che può essere totale o mini.

Anche l’interno coscia tende a cedere formando delle pieghe fastidiose che si possono eliminare grazie al lifting dell’interno coscia, dando una forma omogenea alla coscia e rendendola liscia e uniforme.

L’eccessiva perdita di peso può interessare anche le braccia, causando delle pendenze antiestetiche che possono essere rimosse con un lifting delle braccia.

Per le donne vi è, anche, il fastidioso svuotamento del seno: da grande, spesso, passa a minuscolo e rilassato. I dovuti interventi ricostruttivi del seno possono essere diversi:

  • mastopessi;
  • mastopessi riduttiva o additiva;
  • mastoplastica additiva;

Per quanto riguarda gli uomini, si può intervenire sull’aspetto femminile che può assumere la regione pettorale con una ginecomastia. La correzione avviene con l’esportazione della pelle in eccesso e dell’eventuale tessuto adiposo.

Tutti gli interventi sono convenzionati dalla Regione, ad eccezione della mastoplastica additiva, essendo il completamento di un processo del trattamento dell’obesità.